Tag

,

JohnCheever2Il miglior amico di mia madre è uno scrittore americano che vive a Roma, si chiama Tibi. Ci sono parecchi scrittori qui ma non credo che si diano molto da fare. Tibi è sempre stanchissimo. Vorrebbe andare a Napoli all’Opera ma è troppo stanco per affrontare il viaggio; vorrebbe andare in campagna per un mese a finire il romanzo, ma in campagna si mangia agnello arrosto e l’agnello arrosto lo fa sentire stanco; non ha mai visitato Castel Sant’Angelo perché il solo pensiero di attraversare il fiume lo stanca. Tibi dice sempre che andrà di qua e di là ma alla fine non va mai da nessuna parte perché è troppo stanco. Appena lo vedi ti verrebbe voglia di buttarlo sotto una doccia fredda o di far scoppiare un petardo sotto la sua sedia ma ti rendi subito conto che Tibi è realmente spossato, che questa eterna condizione di stanchezza gli fa ottenere ciò che vuole dalla vita, ovvero l’affetto di mia madre, e che frequenta la nostra casa proprio con questo scopo. Io che me ne vado in giro per le strade come se avessi vinto un incontro di pugilato o una partita a tennis aspettandomi di ottenere ciò che voglio dalla vita, in fondo, non sono molto diverso da lui.

(John Cheever, Boy in Rome)

Annunci